.
Annunci online

houseofMaedhros
schizzi e scazzi di finanza e dintorni


Diario


26 marzo 2012

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

Le trasmissioni proseguono su quest'altro canale.




permalink | inviato da houseofMaedhros il 26/3/2012 alle 9:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


14 agosto 2008

Estonia's President Says Georgia Crisis Has Changed Everything

Estonian President Toomas Hendrik Ilves flew to Tbilisi in the middle of Georgia's war with Russia to stand with four other leaders of former communist countries in support of the Georgian people. RFE/RL correspondent Charles Recknagel asks him why he feels such a personal commitment to Georgia's efforts to become part of NATO and the EU, and how he views its struggle with Moscow.

RFE/RL: President Ilves, you took the trouble to travel to Tbilisi and show solidarity with Georgia in its moment of crisis. Why do you personally feel so strongly that Georgia's problems are your own, and the world's own?

Toomas Hendrik Ilves: On a more philosophical level, we cannot have a repeat of what happened in '38, when Neville Chamberlain returned declaring peace in his time and, after all, so what if a small faraway country about which we know nothing is dismembered. Certainly that was the beginning of the conflagration that ensued.

I think on a more realpolitik level, the assumptions that we have held since the end of the collapse of communism in the Soviet Union, which I would call the post-'91 settlement, the basic assumption is that whatever happens inside Russia it will not return to its former ways of invading other countries. That is a very fundamental assumption which affects everything we do, NATO planning, everything. That assumption has collapsed and I think it will take a generation to get back to the point where we were in the beginning of August where we thought, OK, we can have all kinds of words but we will never see an invasion on the part of Russia.

RFE/RL: Many ordinary Georgians have expressed disappointment to the press that the West did not offer them more help in the hot war that they just fought. Did you hear the same while you were in Tbilisi and, if so, how did you respond?

Ilves: I did hear that and I would say that there are a number of factors. One is that very unfortunately Georgia was not offered the Membership Action Plan in the Bucharest summit of NATO and as I said then, and I say it now, that decision was interpreted as a green light to do what you want with Georgia. And I think those that blocked [the offer] bear some responsibility in what ensued.

But the other thing, of course, is that the West is slow to react. I mean, these kinds of things take a little while to sink in. Once it sinks in, usually the West acts rather forcefully. If you look at the reaction of the United States right now, it is very forceful. I think they, just as we, were taken aback by what happened and it took everyone a while to realize that the paradigm had shifted completely.

RFE/RL: The French-brokered plan for cease-fire offers five points, including future nonuse of force and withdrawal of troops to their previous positions. Is this an adequate starting point for calming this crisis and getting back to negotiations over Georgia's frozen conflicts, or would you see a need for more conditions imposed on either or both sides? 

Ilves: If you just invaded with 10,000 troops and almost a thousand tanks, then withdrawing to the previous borders with that amount of military hardware, I don't think is a good way to start. I think it has to be more concrete. The troops have to leave Georgian territory and we need to ensure the territorial integrity of Georgia.

RFE/RL: After this incident, do you think the EU will harden its stance toward Russia and move perhaps more toward the Eastern European members' perspective of Russia and away from that of France and Germany?

Ilves: I think it's inevitable. To kind of [reiterate] a statement I read the other day -- I think there is actually a very pro-Russia, Russophile coalition inside the European Union which places good business relations above European values of human rights, democracy, and so forth. And I think that this will be a point of contention in the future.

However, I don't see such an accommodating stance on the part of the "realist" camp, to which I think we belong. We saw that Poland and then Lithuania did cave in on the Partnership and Cooperation Agreement discussion, due to heavy pressure. I don't think that is going to happen again when similar issues come up. As I said, the previous paradigm is over and dead; the most fundamental assumptions have changed.

RFE/RL: Some observers might say that this Georgian-Russian fight again highlights the difference between two orders being constructed in Europe. One is a shared space, marked by shared institutions where an agreed political and economic framework works to maintain peace and prosperity -- I am thinking of the NATO/EU space. The other is a space marked out only by its previous history and where powerful states have spheres of influence and relations are unregulated -- I am thinking of Russia and its neighborhood. Do you see the European continent, if you permit the expression, in these terms and is that why you give so much attention to what goes on in the East?

Ilves: That's a long question to simply answer with a yes. I see it from a slightly different perspective. What I would actually say is that Europe is that area which is defined by interlocking interests, fundamental freedoms, and so forth. And Europe is defined by that, and what doesn't have that is not Europe.

As an analogy: Koenigsberg was the heart of Europe. Kaliningrad has nothing to do with Europe. The same geographical space. Joseph Joffe in a recent piece, and clearly also Robert Kagan, have pointed out that what we're dealing with is a very 19th-century hegemonic approach to things on the part of Russia today that makes it very difficult for them to really understand and interact with what we call Europe.

And Europe finds it also difficult. I mean, if on the one hand you have a kind of authoritarian, bullying petrostate flush with lots and lots of money and then you have a Europe that doesn't really understand the use of force involved or believe in that kind of politics but does believe in money, I think we have a dangerous mix. But basically brute force, power, and buying politicians -- as we've seen, unfortunately, at the highest levels in Europe (credo che il riferimento sia ad un ex Cancelliere tedesco accomodatosi successivamente davanti ad un piatto di lenticchie al desco della Gazprom) -- is not compatible with the Kantian "perpetual peace" assumptions of the European Union.




permalink | inviato da houseofMaedhros il 14/8/2008 alle 20:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


7 agosto 2008

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

Coloro che fossero interessati esclusivamente agli schizzi di finanza, possono d'ora innanzi far riferimento al nuovo sito:

MAEDHROS   GLOBAL   ALLOCATION   REPORT




permalink | inviato da houseofMaedhros il 7/8/2008 alle 19:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


23 maggio 2008

CAPACI

Sono già passati sedici anni.
Quel pomeriggio lo ricordo abbastanza bene, quando il telegiornale diede la notizia e sullo schermo passarono queste immagini.

Avevo ventiquattro anni, e dovetti sedermi.

Da allora ogni santissimo anno il 23 maggio le istituzioni dello Stato e della politica celebrano quel giorno, i giornali sono pieni di titoli che si riferiscono alle "celebrazioni per la strage di Capaci".

Potrebbe sembrare una mera sciatteria linguistica, ma non è così.

Quelle istituzioni celebrano la loro vergogna, ed il grosso sospiro di sollievo che tirarono così tanti di quelli che le rappresentavano.

La Casa si limita a piangerlo!

Giovanni Falcone

Insieme a sua moglie Francesca, Antonio Montanaro, Vito Schifani, Rocco Di Cillo.




permalink | inviato da houseofMaedhros il 23/5/2008 alle 20:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


22 maggio 2008

A TRAVAGLIO, TRAVAGLIO E MEZZO - L'IMPREVEDIBILE NANNI

Filippo Facci per “Il Giornale”
Ad Annozero, questa sera, Marco Travaglio potrà essere zittito in uno dei seguenti modi:
1) Tu sei andato in vacanza con un tizio poi condannato per favoreggiamento di un mafioso, già prestanome di Provenzano;
2) Tu hai telefonato a un siciliano, uno che faceva la spia per un prestanome di Provenzano, e gli hai chiesto un aiuto per la villeggiatura in Sicilia;
3) La tua famiglia e quella di Pippo Ciuro, poi condannato per aver favorito le cosche, si frequentavano in un residence consigliato da Ciuro e si scambiavano generi di conforto;
4) Il procuratore di Palermo Pietro Grasso, sul Corriere, scrisse che tu facevi «disinformazione scientificamente organizzata» e speriamo che il tuo amico Pippo Ciuro con tutto questo non c’entri nulla;
5) Renato Schifani frequentò delle persone che sono state inquisite 18 anni dopo, ma tu ne hai frequentata una che è stata arrestata per favoreggiamento mafioso pochi mesi dopo;
6) Tu non sei il presidente del Senato, è vero, sei peggio: perché vai in giro a fare il moralista e poi la tua famiglia sguazzava in piscina con un favoreggiatore di mafiosi.
Eccetera.

Le suddette sono frasi a loro modo ineccepibili, non querelabili, anzi: sono tutti «fatti» come direbbe Travaglio. Il quale ha una sola fortuna: non ha dietro un Travaglio che certe infamie gliele ripeta di continuo in libri e articoli e comparsate ben pagate dal contribuente.

Ma si potrebbe sempre imparare.


Andrea Marcenaro, per Panorama
Sia benedetto Nanni Moretti e la sua imprevedibilità. Quest’anno è andato a Cannes e ha dichiarato, nella sorpresa generale, che Silvio Berlusconi gli fa schifo. L’anno scorso Moretti era andato a Cannes e aveva dichiarato, nella sorpresa generale, che Berlusconi gli faceva schifo. Due anni or sono Moretti era andato a Cannes e aveva dichiarato, sorprendendo tutti, che Berlusconi gli stava facendo veramente schifo.

Sia benedetto Moretti e il suo spirito bizzarro, eccentrico, stravagante, originale. Scommettiamoci su: l’anno prossimo andrà a Cannes e dichiarerà, cogliendo tutti di sorpresa, che Berlusconi gli fa schifo. «Le farà schifo anche nel 2010?» gli domanderanno Natalia Aspesi e i cronisti francesi. E lui lascerà tutti col fiato sospeso. Siano benedette le bizzarrie dell’artista, il suo dono naturale di stupire, di spiazzare, di cogliere il mondo in contropiede. Indiana Jones è arrivato ora alla quarta replica di se stesso. Nanni Moretti gli ha già fatto un mazzo tanto.




permalink | inviato da houseofMaedhros il 22/5/2008 alle 20:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


22 maggio 2008

STATEMI A SENTIRE

Se per caso state pensando di aprire un conto o comunque affidarvi ai servizi del Monte dei Paschi di Siena, non fatelo.

Fidatevi sulla parola: N-O-N   F-A-T-E-L-O !!!

Ne guadagnerete, soprattutto in salute.




permalink | inviato da houseofMaedhros il 22/5/2008 alle 10:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


19 maggio 2008

GLI SCAMPATI

Vi propongo una carrellata fotografica di alcuni dei pochi sopravvissuti alla soluzione finale (il termine usato dal Ministero della Verità è "aborto terapeutico") escogitata dai perfetti rappresentanti della società fondata sulla "merda espansa", per il loro bene ovviamente.

Eh sì, perché per i sopracitati rappresentanti finire in un contenitore recante la scritta "rifiuti speciali ospedalieri" prima ancora di vedere la luce è sempre preferibile ad una vita difficile. A patto che si tratti della vita di qualcun altro però!
Dev'essere per questo che non consultano mai i feti prima di procedere a vivisezionarli.

Colgo l'occasione per rinnovare i più sentiti auguri di atroci sofferenze e progressive a tutti i pezzi di merda attori e complici e sostenitori dell'Olocausto contemporaneo.

Mentre di fronte a quelle mamme non posso far altro che inchinarmi, perché parole per esprimer loro la mia sconfinata ammirazione non ne ho trovate.

(i crediti sono tutti per l'ingegnere)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. aborto genocide down

permalink | inviato da houseofMaedhros il 19/5/2008 alle 11:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


16 maggio 2008

NOVAZIONI TERMINOLOGICHE

Oggi in Libano "accordo" significa "calarsi le braghe di fronte a Hezbollah e farsi sodomizzare da manici siriani ed iraniani".

Una missione ONU è sempre una garanzia!




permalink | inviato da houseofMaedhros il 16/5/2008 alle 13:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


3 maggio 2008

ELEZIONI INGLESI

Veltroni visibilmente soddisfatto: «Per una volta nella vita abbiamo dato l’esempio agli inglesi».

Jena




permalink | inviato da houseofMaedhros il 3/5/2008 alle 21:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


1 maggio 2008

SANDRA, E' UN ALIBI DEL CAZZO

Di questo pezzo di Carioti condivido pure gli spazi tra le parole.

Se uno ritiene di non poter occuparsi di un figlio, deve stare attento a non crearlo.
E non è per niente difficile, starci attenti!

Se non ci sta attento, può tranquillamente farlo nascere e darlo in adozione.
Portare a termine una gravidanza non costa niente in termini economici, e non molto per tutto il resto.

Se poi una persona (o meglio, due, visto che il marito c'è, anche se sembra totalmente impegnato nella ricerca delle sue palle), ciò nonostante, ritiene comunque di dover compiere il supremo "altruismo" di far fuori suo figlio per risparmiargli la punizione di esistere (e non si capisce perché non prenda invece lei commiato da questa vita di merda), l'assassino di suo figlio quella persona lo incontra ogni giorno guardandosi allo specchio. Smetta pure di cercarlo nella "società"!

Se infine questa persona definisce implicitamente "egoisti" coloro che nelle sue stesse condizioni economiche, o in condizioni addirittura peggiori (tipo il sottoscritto quando undici anni fa attendeva il primogenito), non solo il figlio lo hanno fatto nascere, ma lo hanno pure cresciuto facendosì un mazzo così, ebbene, non se ne abbia a male se viene proprio mandata a cagare!


28 aprile 2008

STABILITA'

Non si sono registrati scontri, nè contestazioni, a Pyong Yang in occasione del passaggio della fiaccola olimpica.


OFF TOPIC - Roma città aperta!
Per un paio d'ore, poi i vincitori hanno ringraziato i tassisti......




permalink | inviato da houseofMaedhros il 28/4/2008 alle 19:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


21 aprile 2008

ANDIAM ANDIAMM..... ANDIAMO A SINDACAR

I privilegi dei bonzi del lavoro

Le caste si moltiplicano. A quarant’anni dal ’68, quando sotto accusa era la casta dei “mandarini” universitari, ora la polemica contro le consorterie autoreferenziali si concentra contro i politici e – ora con il libro di Stefano Livadiotti (L’altra casta, Bompiani, 15 euro) – attacca i sindacalisti.
L’analisi della verbosità, dell’invadenza, dell’inefficacia, dello spaesamento (nel senso di estraneità ai problemi del paese reale), della chiusura corporativa e persino dell’ignota potenza finanziaria del sindacato italiano sono trattati da Livadiotti con l’agilità di linguaggio del cronista, che preferisce citare dati e numeri, sondaggi e inchieste, piuttosto che addentrarsi in complesse interpretazioni sociologiche o storiche.
Vale la pena di ripercorrere i cinque temi scanditi nei capitoli del saggio, si direbbe i cinque capi d’accusa della requisitoria, anche per riscontrare come quegli stessi temi abbiano inciso nelle vicende italiane, comprese le recenti consultazioni elettorali, e da quali radici abbiano tratto origine.

Il sindacato impopolare
Le confederazioni vengono percepite dalla stragrande maggioranza dell’opinione popolare come una presenza inutile se non dannosa: secondo le inchieste citate da Livadiotti addirittura il 78,3 per cento della popolazione li vede “come il fumo negli occhi”. Questo nonostante, o forse a causa, dell’estesissima copertura mediatica degli interventi dei tre leader che parlano di tutto, nelle 1.485 esternazioni meticolosamente conteggiate nel corso di un solo anno. Il divario tra popolarità reale e presunzione dei vertici pone il problema, centralissimo per organizzazioni sindacali, della rappresentanza. Com’è noto, dai dati delle iscrizioni alle confederazioni si ricava che, sui quasi 12 milioni di tesserati, la metà sono pensionati, mentre quasi un quarto dei lavoratori attivi appartiene al pubblico impiego. Questo significa che la maggior parte degli iscritti al sindacato vive in condizioni che si ritengono al riparo del mercato e della concorrenza, il che spiegherebbe, pur senza giustificarlo, il ritardo accumulato dalle confederazioni nei confronti dei problemi della competitività, quelli decisivi per determinare la crescita o il declino del sistema produttivo. Da questo spaesamento di fondo derivano le conseguenze denunciate da Livadiotti: la concertazione puramente verbale, l’abbandono della rappresentanza di giovani e precari, la difesa dei “fannulloni” e la mancata tutela salariale del lavoro produttivo, la disseminazione di sigle sindacali e di contratti nazionali (che nessuno sa esattamente neppure quanti siano) e degli scioperi inutili o puramente simbolici, la colpevole disattenzione verso la sicurezza del lavoro.

Il finanziamento distorsivo

Lo squilibrio tra il panorama della distribuzione dei lavoratori nell’apparato produttivo e quello registrato nel tesseramento delle confederazioni è determinato anche dalle forme specifiche di finanziamento del sindacato. La massa di circa 20 mila funzionari, ai quali vanno aggiunti i “distaccati”, provenienti dalle grandi aziende e dalla pubblica amministrazione, rappresenta un costo elevato, cui si fa fronte con il tesseramento e i servizi erogati. Il tesseramento, basato su un bizantino sistema di deleghe dalle quali è quasi impossibile uscire, non è più come in passato un momento di verifica della rappresentatività. Una volta firmata la delega, magari per ottenere un servizio di assistenza fiscale o previdenziale, il lavoratore o il pensionato non ha praticamente più modo di liberarsene. La disdetta si può dare solo in certi giorni, prevede un iter complesso, il che scoraggia molti che pure non sono contenti di ricevere una detrazione sindacale sulla busta paga o sulla pensione. L’attribuzione alle confederazioni di una funzione di consulenza fiscale ufficiale, in condizioni di sostanziale monopolio (pur bocciato dall’Europa perché lesivo dei principi di libera concorrenza), come quella esercitata sulle questioni previdenziali che si basa sugli elefantiaci organismi territoriali dell’Inps dominati dai sindacati, rappresenta una forma surrettizia di finanziamento pubblico, che si raddoppia con la richiesta o almeno il pressante invito al lavoratore che chiede un servizio di iscriversi alla confederazione che lo gestisce. I Centri di assistenza fiscale, Caf, e i patronati, con il tesseramento indiretto che promuovono e con i contributi pubblici che lo stato e l’Inps versano per la loro attività, sono probabilmente la maggiore fonte di finanziamento delle confederazioni, il che le porta inevitabilmente a trasformarsi da rappresentanti dei lavoratori in una sorta di burocrazia parastatale. E a essere considerate tali da lavoratori trattati da clienti cui fornire servizi e non da soggetti da rappresentare.

La difesa del privilegio
Naturalmente i sindacalisti non hanno trascurato di tutelare gli interessi di una particolare categoria: la loro. Livadiotti esamina la serie di leggi e leggine che hanno consentito e tuttora consentono a sindacalisti, soprattutto a quelli “distaccati” dalle grandi imprese e dalla pubblica amministrazione, di ricevere lauti assegni previdenziali o altre regalie. Dalla legge del 1974 firmata dall’ex vice segretario della Cgil Giovanni Mosca, che in sei anni ha fornito una pensione senza copertura contributiva a circa 20 mila funzionari sindacali (e politici) col costo per l’Inps di dieci miliardi di euro fino ad oggi si sono susseguiti provvedimenti onerosi di autotutela dei sindacalisti.
Inoltre la pratica di distacchi retribuiti e dei permessi sempre retribuiti per l’attività sindacale, che nel complesso interessano ben 700 mila persone, determina un altro costo assai pesante per le grandi imprese e per la pubblica amministrazione. Inoltre la disseminazione di organismi nei quali è prevista la presenza, ovviamente retribuita, di rappresentanti delle confederazioni, ha assunto dimensioni ragguardevoli, almeno il 7 per cento degli amministratori di enti pubblici. Alle circa 26 mila poltrone occupate dai sindacalisti vanno aggiunti una serie di organismi paritetici con i rappresentanti di sindacati e aziende private, le camere di commercio, gli organismi decentrati del Cnel, senza contare la fitta rete di società partecipate dai comuni, dove un posto o meglio tre per i rappresentanti dei lavoratori si trova quasi sempre.

I nullafacenti del pubblico impiego
Com’è noto, da almeno dieci anni nessuno è stato licenziato nell’immenso caravanserraglio del pubblico impiego per scarso rendimento. Se ne dovrebbe dedurre che il rendimento della pubblica amministrazione è eccellente, ma tutti sanno che questo è il contrario della verità. Il fatto è che il pubblico impiego italiano è elefantiaco perché inefficiente, inefficiente perché elefantiaco. E’ qui che le confederazioni (e i sindacatini autonomi) hanno il loro punto di forza, visto che il tasso di sindacalizzazione dei dipendenti pubblici è circa il doppio di quello dei dipendenti delle aziende private ed è più alto al crescere del livello gerarchico. All’Inps, dei 43 dirigenti generali, solo uno non è iscritto ai sindacati. La distribuzione territoriale del pubblico impiego è assai diversificata, in Lombardia c’è un dipendente dell’amministrazione centrale ogni 10 mila abitanti, in Abruzzo 45. Più scarsa è l’attività economica, più personale pubblico c’è ad assisterla. Confagricoltura ha calcolato che, su un milione e mezzo di addetti all’agricoltura, ci sono un milione e 200 mila dipendenti pubblici che si occupano di agricoltura.
Naturalmente a tutte queste storture ha collaborato attivamente il clientelismo, ma l’azione del sindacato, che difende strenuamente i fannulloni nella pubblica amministrazione rappresenta il freno decisivo che impedisce ogni azione di disboscamento e rinnovamento.
D’altra parte la forza contrattuale concentrata in quest’area ha fatto si che le retribuzioni del pubblico impiego aumentino in media del 5 per cento l’anno, mentre quelle dell’industria e dei servizi privati ristagnano. Se poi le assenze per “malattia” nel pubblico impiego sono tre volte più consistenti che nel settore privato, il sindacato si offende se si parla di assenteismo.

Come far fallire Alitalia
Livadiotti esamina la situazione in alcune società che sarebbero private ma che per il ruolo che vi esercita la proprietà pubblica subiscono una pressione sindacale, delle confederazioni e ancor più del pulviscolo del sindacalismo autonomo, insopportabile. Leggere, una dopo l’altre, le vicende dell’Alitalia, delle Ferrovie, delle Poste, dell’Inps. dell’Enav, l’ente per il controllo dei voli, e persino della Banca d’Italia fa davvero impressione. Sembra di leggere un romanzo di Gogol, con i sindacati al posto delle gerarchie zariste. D’altra parte se, come pare, gli amministratori di Aeroflot hanno detto di aver trovato nel sindacalismo della compagnia di bandiera italiana comportamenti peggiori di quelli dei sindacati sovietici, c’è davvero da preoccuparsi. Manca un capitolo sulla Rai, che probabilmente non sarebbe privo di spunti interessanti, o magari su quel che capita in qualche grande giornale di informazione.

Lo spazio stretto di un’autoriforma

Le reazioni dei diretti interessati alle documentate denunce sono state scontate e burocratiche. Criticare i sindacati equivale ad attaccare i lavoratori, ma questa identificazione, che presuppone un sistema limpido di rappresentanza, è esattamente il punto in discussione. La domanda che viene spontanea è se ci sia ancora lo spazio per un’autoriforma del sistema di potere confederale, oppure se questa sia un’illusione simile a quella che i comunisti occidentali nutrivano nella possibilità di autorigenerazione del sistema sovietico. Il problema è sempre lo stesso, la rappresentanza del lavoro, quello vero, che viene sostituita dalla strenua difesa dei fannulloni. L’efficacia inesorabile di questa difesa dà la dimensione dello strapotere sindacale (e della complice pavidità delle controparti), ma anche quella del distacco delle confederazioni dalla loro funzione specifica e del loro spaesamento.

di Sergio Soave , per il Foglio




permalink | inviato da houseofMaedhros il 21/4/2008 alle 20:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


14 aprile 2008

LA VERSIONE DI ANDREA

Roberto Sandalo è un cretino.
Michele Serra non è un cretino.

Sandalo sragiona. Serra ragiona.

La paranoia purificatrice fa di Sandalo una caricatura umana, a prescindere dalla sua attività violenta. La conoscenza pacata delle cose fa si Serra un uomo sereno, a prescindere che stia di qua o che stia di là.

Sandalo è un fanatico. Serra un nemico del fanatismo.

Sandalo è un caratterista, una macchietta, mai e poi mai sarà il protagonista del male, al massimo della mediocrità. Ieri Serra ha giustamente scritto, di quelli come Sandalo: “I fanatici dovrebbero rimanere esposti per qualche mese alle risate allegre dei mansueti”.
Aggiungendo che la suddetta pena dovrebbe valere “per l’islamista bigotto e accoltellatore, come per il cristiano energumeno e razzista che sogna la rivincita su Lepanto”.

Ora. Riscrivere i libri di storia lo raccomanda Dell’Utri, quindi a noi va bene.

Rimanendo a Lepanto, altro che rivincita, fassi presente a Serra (superstorico con zelo dellutriano) che il cristiano energumeno, all’islamista bigotto, fece storiograficamente un culo tanto.




permalink | inviato da houseofMaedhros il 14/4/2008 alle 19:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


22 marzo 2008

QUANDO DIO SI FECE UCCIDERE

A tutti quelli che portano la propria Croce, e ciascuno ha la sua piccola da portare, non disperate!

Verrà il terzo giorno!





permalink | inviato da houseofMaedhros il 22/3/2008 alle 11:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


19 marzo 2008

A PROPOSITO DI STRONZATE

Non è per far contento Gibaryan, ma sono proprio costretto a precisare che "la fondamentale signorìa delle donne sulla vita umana" è una cretinata di dimensioni davvero imbarazzanti.

L'unica signorìa che hanno le donne (come chiunque altro) è sulla propria vita. La vita umana appartiene a ciascuno cui sia stata concessa. E quindi non c'è nessuna signorìa su quella dell'incarnato non ancora nato, da parte di chicchessìa.

Cerchiamo di evitare queste uscite "galanti".
Non per altro, ma va a finire che qualcuna ci crede pure.
E già abbiamo un sacco di stronze in giro.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. aborto galanterie fuori luogo

permalink | inviato da houseofMaedhros il 19/3/2008 alle 21:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


18 marzo 2008

DI PACISTRONZI STAVOLTA IN GIRO NON CE N'E'

Centinaia di Tibetani arrestati nella notte durante i rallestramenti della polizia. A Lhasa ci sono ancora sacche di resistenza. In molti edifici del centro storico vi sono giovani armati di bastoni, sassi e coltelli pronti ad affrontare i mitra della polizia comunista. Le prigioni (Laogai) Bomi, Powo Tramo, Chushur, Drapchi e Shengyebo sono stracolme di rivoltosi. 40 studenti picchiati ed arrestati in Marthang. La rivolta si è estesa a Labrang, le contee di Ngapa e Regbong e a tutta la regione dell'Amdo. Scontri e proteste sono registrati anche nelle vicine province cinesi dello Sichuan, Qinghai e Gansu.

La censura Cinese, con la conscia complicità di una parte dei nostri mass media, fa uscire solo le immagini e le notizie che gli convengono. Presto l'attenzione dei media e le dichiarazioni di comodo dei nostri politici cesseranno in onore al dio profitto e al servizio del grande capitale. Si prepara quindi una nuova tragedia, un nuovo massacro, probabilmente peggio di quello di Piazza Tiananmen. Come nel caso della Birmania, dove si continua a morire e ad essere incarcerati in nome della libertà, calerà presto una cortina di ferro sul Tibet.

Le Olimpiadi di Pechino a rischio boicottaggio

L'unica speranza per gli studenti, lavoratori ed i monaci tibetani siamo noi ! Chiediamo a tutti di fare quello che possono. Il regime comunista cinese ed i loro complici in occidente vogliono che noi pensiamo che "..non possiamo fare nulla..." Falso.
Cosa si può fare ? I giornalisti possono NON smettere di scrivere al riguardo.
Scrivete lettere ai giornali e commentate sui blogs.
Inviate emails e fax di protesta all' ambasciatore cinese a Roma, Mr Dong Jinyi
Fax 06-8413467
chinaemb_it@mfa.gov.cn
Non comprate prodotti cinesi
Distribuite questo messaggio a tutti i vostri amici
Denunciate i complici del regime comunista cinese e del grande capitale .... ve ne sono, purtroppo, molti nella nostra stampa.
Vi ringrazio di tutto cuore per la Vostra attenzione.

Toni Brandi
Laogai Research Foundation Italia Onlus




permalink | inviato da houseofMaedhros il 18/3/2008 alle 10:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


18 marzo 2008

DIO PERDONA, IL GOVERNO NO

Bear Stearns was the only major securities dealer that refused to participate in the bailout of Long-Term Capital Management, the epicenter of the last credit crunch in 1998.
This caused a lot of bad blood, as Bear didn't shoulder any of the capital costs associated with the bailout, but profited from the improved conditions in the marketplace. Wall Street viewed the firm as a "free rider."

Had the Fed acted earlier, say last week, to accept collateral from securities dealers, Bear Stearns would not have collapsed, JPMorgan wouldn't have been able to buy the entire firm for $2, and investors in Bear wouldn't have lost $70 billion.

The message to the market is undeniable: Do what the government tells you to do or else you'll pay, eventually.




permalink | inviato da houseofMaedhros il 18/3/2008 alle 8:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


17 marzo 2008

I SOLITI ARGOMENTI

....dei democraticissimi pezzi di merda.

Le "forze dell'ordine", quelle pagate dalle vostre tasse? Come al solito, non pervenute!

E' un vero peccato aver lasciato la prossimità di quei lidi da qualche anno ormai.
Quanto mi piacerebbe essere aggredito da qualcuno di quei bastardissimi figli di puttana.
E farlo uscire carico di meraviglie!




permalink | inviato da houseofMaedhros il 17/3/2008 alle 11:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


12 marzo 2008

PENSIERO STUPENDO

Tutti quelli che sono per l'aborto hanno il privilegio di essere già nati.

R. Reagan


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. aborto

permalink | inviato da houseofMaedhros il 12/3/2008 alle 10:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


6 marzo 2008

O' MIRACUL'

Fini si è finalmente deciso a dire qualcosa di destra!

Gianfranco Fini, nel corso del suo intervento a Firenze alla Fortezza da Basso, nella seconda giornata dei ‘gazebo days', si concentra sui temi della sicurezza e della legalità e avanza l'idea di introdurre un deterrente per i delinquenti: "Molte volte chi delinque non ha paura del carcere ma ha paura di essere condannato a lavorare. Avanzo qui una proposta prima che Veltroni la faccia sua come ha già fatto con altre, e cioè non di condannarli ai lavori forzati, come qualcuno scriverà domani, né di mettere i delinquenti con la palla al piede come avviene in Alabama. La mia proposta è quella di condannarli a lavorare tanti giorni e tante ore finché non hanno pagato il debito con lo Stato". (e risarcito le vittime - ndM)




permalink | inviato da houseofMaedhros il 6/3/2008 alle 21:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Finanza
Saggi ed Analisi di Economia
Gestione Portafogli
Articolati
Fisiologia
Stati Avanzati di Depravazione
Filosofando

VAI A VEDERE

Ultimissime Di Bella
Ne Quid Nimis
Walking Class
Scribacchiature
InMinoranza
Fort
Zamax
Noise from Amerika


Date forza alla libertà di curarsi!
Quello che potete, se volete......

AIAN Modena
c/c n. 854632
B. Pop. Emilia Romagna - Ag. 5
ABI 5387  -  CAB 12905

COME DONARE IL 5 PER MILLE ALLA FONDAZIONE DI BELLA
Occorre, nella prossima dichiarazione dei redditi (Mod. 730 o Unico),apporre la propria firma nell`apposita sezione "Sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni e fondazioni" ed indicare il codice fiscale 01995220355

In questo blog non si danno consigli, si pensa semplicemente ad alta voce.
Pertanto, qualunque decisione attuata in seguito alla lettura di tali pensieri rimane di responsabilità esclusiva di chi la pone in essere.
Ne deriva che se le cose vanno male non potete rompere l'anima, così come nulla è dovuto da parte vostra se vanno bene.



Link Utili

Linus Pauling Institute

Metodo Di Bella
What they don't tell you about AIDS

CERCA