.
Annunci online

houseofMaedhros
schizzi e scazzi di finanza e dintorni


Saggi ed Analisi di Economia


24 aprile 2008

NOTE A MARGINE

Due note a margine del post precedente, sperando di chiarire ulteriormente i termini della questione (vedi commenti al post)

1) Non esiste una cosa chiamata "valore reale" in economia. Esiste il valore marginale, che è quello assegnato dagli specifici agenti economici interessati, e che unito alle loro preferenze temporali rappresenta l'unico criterio vagamente oggettivo nella determinazione dei prezzi. E' dalle fondamentali intuizioni di Menger, passando per l'elaborazione di Bohm-Bawerk e la brillante sistemazione di von Mises, che sulla cosa è revocato ogni dubbio. Bisogna disintossicarsi dagli strabismi neoclassici e conseguente spazzatura critica marxista.

Per quanto riguarda il valore relativo delle valute cartacee, trattandosi in ultima analisi di debito dei rispettivi Stati emittenti, esse hanno un valore inversamente proporzionale alla quantità emessa (soprattutto a quella nelle mani di stranieri), il che insieme alla forza economico-politica dell'emittente ne determina anche il merito di credito. In più, ha un effetto non trascurabile la remunerazione offerta.

Pertanto, quel valore è determinato in relazione alla situazione delle partite correnti e della bilancia commerciale di quel Paese, a quella del suo bilancio pubblico, ed ai tassi che offre.

Il tutto in ordine di importanza! Il resto è rumore.

Sotto questo aspetto, l'Eurozona è il sistema economico e finanziario più equilibrato del pianeta. Pur comprendendo discoli come Italia, Grecia o Portogallo al suo interno. Mentre la Cina è molto più fragile e vulnerabile di quanto si pensi, pur avendo potenzialità enormi, che comunque non saranno mai dispiegate in pieno senza libertà politica ed un'apertura totale della sua società. Non è mai stata registrata finora prosperità economica vera in assenza di libertà completa degli agenti economici.

2) Non esistono dazi e tariffe buoni, sarebbe un ossimoro. Servono solo ad aumentare i costi per il consumatore foraggiando produttori inefficienti, nel migliore dei casi. Già 160 anni fa il grande Bastiat avvertiva che chiudendo le frontiere alle merci le si aprivano agli eserciti, e chiunque con un minimo di cognizione storica dovrebbe ricordare le conseguenze dello Smoot-Harley act americano del 1931.

Se il consumatore vuole comprare schifezze, ebbene, suonerà strano, ma ne ha ogni diritto. Ed i "costruttori sociali" sono pregati di accomodarsi fuori dalle balle. Si può affrontare correttamente la questione solo nei termini che ho indicato: illiceità di commerciare con il crimine organizzato (in Stato), nei casi in cui è possibile configurarlo come tale, sanzionamento della concorrenza sleale (ne è conseguenza), e pretesa di informazione completa per il consumatore riguardo ogni caratteristica del prodotto. Poi quello può fare ciò che gli pare, non sono affari di nessun'altro.

Tremonti è un ottimo commercialista e un discreto politico. Di economia non capisce granché, però. Confonde in continuazione problemi politici per problemi economici, ed è completamente all'oscuro del fatto che il primo problema economico sono i politici.

Lo pregherei di lasciar perdere battaglie di retroguardia, e di affondare invece i colpi dove davvero servono per vincere. Implementi le azioni che ho consigliato nell'ultimo capoverso del mio precedente post, e stia a vedere l'effetto che fa.

Già che si trova, potrebbe forzare l'Unione a porre fine all'infame politica agricola che porta avanti (a proposito di dazi e tariffe), abbassandoci così i prezzi finali per un sacco di generi alimentari di prima necessità e portando un po' di prosperità ai Paesi extra europei che più ne hanno bisogno, quelli più poveri. Così magari ci risparmiamo pure qualche barcone di disperati loro abitanti.


24 aprile 2008

ECONOMIA, QUESTA SCONOSCIUTA

Paolo Borrello

Io credo che sia troppo presto per ipotizzare che l'euro necessariamente sia destinato a sostituire il dollaro. Il dollaro per molti anni ancora, credo, sarà predominante. Comunque, se proseguirà, il deprezzamento del dollaro potrebbe servire quanto meno ad eliminare uno degli squilibri storici dell'economia statunitense (il deficit della bilancia dei pagamenti), e forse anche il deficit di bilancio, se la svalutazione del dollaro contribuirà a frenare la stagnazione e a rilanciare la crescita, per il noto effetto positivo sulle entrate tributarie. E' probabile che si determini in questo modo un assestamento degli squilibri statunitensi e che a quel punto il dollaro non si svaluti ulteriormente, ed allora non ci saranno più pericoli che il dollaro venga sostituito dall'euro, anche perché un maggior ruolo dell'euro non dipenderà solo da fattori economici ma anche politici e io non credo, almeno nel breve periodo, che l'Unione europea si rafforzi politicamente.

 

Azimut72

Un mercato interno di 300 milioni di persone non può sostenere alla lunga l'importazione di beni basici da mercati che sommano quasi 2,5 miliardi di persone.

Perfino la Germania non può alla lunga pensare di non avere effetti "sociali", anche se prima di arrivare a quel punto saranno caduti molti altri Paesi della Comunità...Italia in primis...

Quindi, prima o poi, qualcosa dovrà succedere.

Se la Comunità Europea funziona veramente, la soluzione più logica all'orizzonte è una svalutazione dell'euro.

In caso contrario il cittadino europeo dovrà pagare anche il risanamento del deficit statunitense...oltre a far ridere i cinesi....


Maedhros

Il mio vecchio intervento non aveva intenzioni di politica economica, se non indirettamente. Lo ho citato solo ai fini delle previsioni finanziarie che conteneva, e che si sono verificate. Né vi affermavo una futura sostituzione nella funzione di valuta di riserva del dollaro con l’euro, ma solo che i capitali in uscita, insoddisfatti dell’erosione continua del valore relativo del dollaro, potevano trovare rifugio, per motivi innanzitutto quantitativi, solo nell’euro.

 I commenti (sopra riportati) al mio post precedente mi danno comunque l’occasione per ribadire qualcosa che ho più volte sostenuto: la teoria della valuta debole come panacea e soluzione per ogni squilibrio economico-finanziario è una stupidaggine sesquipedale.

 La valuta debole non è la soluzione di un deficit commerciale, ne è la causa! Non la sola, ma probabilmente la principale.

Tanto per cominciare, il prezzo non è l’unica variabile che si prende in considerazione quando si deve acquistare qualcosa. Se uno produce schifezze, nessuno gliele comprerà, non importa quanto basso il prezzo.

Ma soprattutto, è davvero imbarazzante che ci si dimentichi di una cosuccia piuttosto banale: e cioè, la bilancia commerciale è composta da due voci, oltre alle esportazioni vi sono le importazioni. E mentre non è detto che una valuta debole ti faccia aumentare le prime, è quasi certo che ti incrementerà a dismisura il conto da pagare per le seconde.

 Ed infatti, sono decenni che aspettiamo che ‘sto benedetto dollaro debole faccia rientrare l’abnorme deficit commerciale americano. L’US Dollar Index negli ultimi sette anni si è praticamente dimezzato, mentre il deficit è aumentato nello stesso periodo del cinquanta per cento. Non sarebbe ora di piantarla con questa litania?

Probabilmente tra sette anni staremo qui a tracciare le stesse risultanze nei confronti del Regno Unito, che ha in proporzione un deficit ormai peggiore degli States ed una situazione immobiliare e creditizia che somiglia parecchio a quella statunitense di diciotto mesi fa, anche se ha banchieri centrali che sono meno socialmente pericolosi di Beniamino l’Elicottero.

 Per continuare con gli esempi pratici, sapete qual è il Paese con il maggiore surplus commerciale, fatte le debite proporzioni? Non è la Cina, né il Giappone, ma la Germania!

Esattamente, decenni di politica monetaria ferocemente conservativa e di valuta forte, eppure immancabilmente chiude ogni anno con un centinaio di miliardi di euro di valore esportato in più di quello importato, senza avere peraltro particolari risorse in materie prime e con un costo del lavoro piuttosto elevato in funzione delle numerose provvidenze sociali.

L’emergenza sociale in Italia (e non solo) la avremmo se non fossimo entrati nell’euro, e non viceversa. Staremmo pagando in questo momento interessi doppi sul mostruoso debito pubblico che abbiamo, e se avessimo dovuto pagare in lire (che i mercati avrebbero svalutato con gusto) il fabbisogno energetico che importiamo quasi totalmente le urla di dolore si sarebbero sentite anche al di fuori del sistema solare. I prezzi del necessario per vivere avrebbero raggiunto vette al cui confronto quelli attuali verrebbero visti come affari d’oro.

 Durante questi anni di euro forte, inoltre, la dinamica della disoccupazione e dei deficit pubblici è stata in Europa molto favorevole, e non si capisce allora il motivo per cui non appaia chiaro a chiunque che i lamenti circa la forza della nostra valuta sono sostanziati esclusivamente dai sogni bagnati di mediocri politici che vorrebbero inflazionare la loro via alla rielezione. A spese nostre, sia chiaro! Il conto saremmo sempre noi o i nostri figli a doverlo pagare, domani.

 Il problema con i cinesi non è di valuta, ma di concorrenza sleale o di illiceità di fare affari con il crimine organizzato (in Stato). Ed è solo in questi termini che è possibile ritorcere. Rendendo cioè chiaro ai mandarini che se mettono a lavorare bambini e prigionieri politici, se non riconoscono i più elementari diritti ai lavoratori, se producono senza alcun ritegno e continenza per l’ambiente, se fanno strame dei diritti fondamentali delle persone, pagheranno un prezzo, e sarà più elevato di quello che credono di risparmiare sui loro costi di produzione comportandosi in quel modo. Tutto sommato, l’Occidente può tranquillamente fare a meno di comprare dalla Cina, checché ne dica chi pensa poco e male, mentre la Cina non può certo fare a meno di vendere nei mercati occidentali.

Ma qualsiasi proposta di introduzione di dazi e tariffe generalizzati deve essere stroncata sul nascere!

 Le difficoltà che sperimenta l’Europa, ma soprattutto l’Italia, non ci azzeccano niente con la valuta forte, ma tutto con le residue incrostazioni stataliste e parassitarie che ancora l’avviluppano.

Liberalizzate completamente i servizi, impalate nelle pubbliche piazze chiunque proponga la cd. armonizzazione fiscale tra i Paesi membri, togliete la burocrazia dalla strada della piccola impresa, tagliate le tasse al lavoro ed alle imprese ed eliminate tutte le imposte sui consumi energetici, privatizzate tutto il patrimonio pubblico privatizzabile ed abbattete la spesa pubblica inutile (in Italia almeno il 30% del totale), riformate il sistema pensionistico per il futuro in senso completamente contributivo con un minimo “sociale” che scatti dopo i 70 anni. Ma soprattutto togliete di mezzo ogni intermediario nella redistribuzione a favore dei meno agiati. In Italia, ai destinatari finali delle provvidenze arriva un quarto di quanto stanziato; il resto si perde in stipendi e manutenzioni inutili e corruttele di ogni sorta. Si mettano direttamente i soldi in mano ai beneficiari, ed i cocci siano poi tutti loro se li sprecano.

 Fate tutto questo, e sentitevi liberi poi di scrivermi due righe di ringraziamento.

sfoglia     settembre        ottobre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Finanza
Saggi ed Analisi di Economia
Gestione Portafogli
Articolati
Fisiologia
Stati Avanzati di Depravazione
Filosofando

VAI A VEDERE

Ultimissime Di Bella
Ne Quid Nimis
Walking Class
Scribacchiature
InMinoranza
Fort
Zamax
Noise from Amerika


Date forza alla libertà di curarsi!
Quello che potete, se volete......

AIAN Modena
c/c n. 854632
B. Pop. Emilia Romagna - Ag. 5
ABI 5387  -  CAB 12905

COME DONARE IL 5 PER MILLE ALLA FONDAZIONE DI BELLA
Occorre, nella prossima dichiarazione dei redditi (Mod. 730 o Unico),apporre la propria firma nell`apposita sezione "Sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni e fondazioni" ed indicare il codice fiscale 01995220355

In questo blog non si danno consigli, si pensa semplicemente ad alta voce.
Pertanto, qualunque decisione attuata in seguito alla lettura di tali pensieri rimane di responsabilità esclusiva di chi la pone in essere.
Ne deriva che se le cose vanno male non potete rompere l'anima, così come nulla è dovuto da parte vostra se vanno bene.



Link Utili

Linus Pauling Institute

Metodo Di Bella
What they don't tell you about AIDS

CERCA