Blog: http://houseofMaedhros.ilcannocchiale.it

FARMACI DI PAGATA EFFICACIA

L'AIFA è l'ente pubblico che ha sostituito il CUF.
Solo nel nome, l'andazzo e tutto il resto essendo rimasti pressoché invariati.

Il CUF era l'espressione e la stampella di quella combriccola di burocrati che qualche anno fa si rifiutò pervicacemente di ottemperare alle disposizioni dell'allora ministro della Salute Storace di riesaminare il Metodo Di Bella, ed arrivò addirittura a definirlo nocivo "in quanto negatore di accesso a farmaci di provata efficacia".

Si riferivano ai chemioterapici, gli unici farmaci che il Soviet internazionale della medicina ha propinato agli sventurati colpiti dal male, non essendo radiazioni e chirurgia dei medicinali.
Quella "provata efficacia" si risolveva nell'essere quei farmaci più mortali del tumore stesso. Nell'undici per cento dei casi sono in grado di ammazzare il paziente prima che lo faccia il tumore, mentre presi da soli, senza supporto chirurgico o radioterapico cioè, sono in grado di far sopravvivere i pazienti per cinque anni solo nel 2,5% dei casi.

Se fossero stati inefficaci, cosa avrebbero combinato?
L'estinzione del genere umano?

Pochi giorni fa, un'inchiesta della Procura di Torino ha lanciato l'ipotesi che tale "efficacia" venisse stabilita seguendo più o meno questo schema:
"Scusi, Signor CUF....."
"AIFA prego!"
"Ah, scusi Signor AIFA, mi potrebbe dire quanto è efficace questo farmaco?"
"Uhm....beh, sa signora mia....dipende dagli zeri che contiene l'assegno".

E' bene ricordare che si tratta di farmaci che vanno a formare in via esclusiva il contenuto del trattamento sanitario obbligatorio in vigore in Italia, grazie alla disposizione dei compagni inserita nella finanziaria del 2007.

Ovviamente, bisogna doverosamente sottolineare che si tratta allo stato solo di accuse, e quella gente rimane innocente fino a prova contraria.
E va pure aggiunto che con il trasferimento dell'inchiesta a Roma quella prova contraria assume probabilità di manifestarsi piuttosto trascurabili, se vogliamo fidarci di un mero esame storico.

E quindi, vi sono ottime possibilità che continueremo ad essere nelle mani di galantuomini

Così parlò Luigi Di Bella quasi trent'anni fa.
Avrebbe potuto farlo ieri, sarebbe stata la stessa cosa.

Non è cambiato nulla nel frattempo, a parte qualche trilione di euro fagocitato worldwide da una ricerca inutile e presuntuosa e da strutture burocratico-sanitarie prodigali solo "per sé e per i suoi", e parecchi milioni di persone da quelle ammazzate più che dal cancro.

Non vi sarà perdono!
Ma ho seri dubbi che saranno gli uomini ad essere in grado di portare Giustizia sui responsabili.

Pubblicato il 26/5/2008 alle 7.33 nella rubrica Fisiologia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web