Blog: http://houseofMaedhros.ilcannocchiale.it

GRAZIE AL PIFFERO, DAN

"In 2005 and 2006, zero FDIC-insured banks failed. In 2007, three failed, including NetBank, the largest failure in 14 years. IndyMac wasn't even on the FDIC's list of troubled banks. So how many other depository institutions would succumb to a run on deposits?

Well, I hate to sound absurd, but the honest answer is... all of them.

Virtually all of the couple hundred banks I've looked at over the past few months have liquid assets amounting to less than 40% of deposits. Most have around 30%."

Dan Ferris


Apprezziamo lo sforzo, ma non è che dovevi venire tu a rammentarci che viviamo in un mondo con un regime monetario non convertibile globale ed un sistema bancario che opera su riserva frazionaria.

Sai qual'è la logica conseguenza di ciò? QUALUNQUE banca al mondo non ha la liquidità per rimborsare i depositi che deve se questi vengono richiesti tutti in una volta.

QUALUNQUE, Dan. E quindi la tua asserzione equivale più o meno a dire "se vi buttate in un pentolone di acqua bollente, vi ustionate".

Affermazione verissima, ma direi quantomeno superflua, non trovi?

Perciò, grazie ancora Dan, ma qui le vaccinazioni obbligatorie le abbiamo fatte da un pezzo. E per quelli meno cresciuti, ti assicuro che spargere terrore non gli rende un buon servizio. E non lo rende neppure a quelli che hanno messo tutto in oro ed argento, sotterrati da qualche parte.

Se pure l'attuale sistema saltasse, e direi che non sia possibile per cause endogene, quelli avrebbero semplicemente l'amara sorpresa di scoprire il giorno dopo che tutto quell'oro ed argento non appartiene a loro, ma al più forte.

Mi auguro per loro che lo siano.

P.S. - La Casa raddoppia comunque il target per l'oro, alla luce degli ultimi sviluppi creditizi e finanziari in USA, portandolo da 1.650 a 3.200 dollari.

Riguardo l'argento, è impossibilitata a fornire un target preciso. Si limita perciò a dire che "it will go bananas"!

Pubblicato il 16/7/2008 alle 14.4 nella rubrica Finanza.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web