Blog: http://houseofMaedhros.ilcannocchiale.it

Oro, Deflazione ed Ignoranza

 La deflazione in un sistema monetario fiat è una possibilità che esiste solo in teoria. Sempre che si sappia cosa significhi deflazione (non è un crollo dei corsi azionari, tanto per dirne una).

Il debito pubblico giapponese durante questa loro mitica deflazione è arrivato al 180% del PIL, unico caso al mondo. L'unico motivo per cui la loro valuta non è scoppiata risiede nel fatto che è quasi interamente finanziato in loco; grazie al loro cronico (finora) surplus commerciale ed enorme capacità di risparmio, solo una piccola parte di quel debito è in mano straniera.
Non è il caso americano.

La deflazione in un sistema monetario come quello odierno non è altro che una crisi del debito, una crisi di fiducia in sostanza, ed ogni valuta odierna non è altro che debito fiduciario del Paese che la emette.

In uno scenario simile, dovresti guardare con simpatia all'unico medium of exchange rimasto ad essere pagamento in pieno, che vale di per sé, senza dover contare sulla solvibilità di chicchessia.

Alla fine della storia, dove sarà l'oro, lì sarà il potere.

 
Non esiste alcun obbligo di parlare di cose che non si conoscono.

L'oro costava 35 $ l'oncia nel 1971, e meno di 300 $ nel 2001. Prego Dio quotidianamente di "perdere" soldi in questo modo. E suggerisco di non rivolgersi ad un orefice per sapere il prezzo spot dell'oro.

Né plutonio, né palladio, né qualsiasi altro metallo (perfino l'argento ha visto la sua funzione monetaria compromessa a seguito del pesante uso industriale dell'ultimo secolo) o materia prima può svolgere adeguatamente funzioni monetarie. Anche qui, per sapere perché, basterebbe conoscere Aristotele.

Per decreto governativo globale, tu puoi escluderlo dal sistema dei pagamenti, non puoi eliminarne il carattere monetario.

In una crisi di fiducia, una crisi creditizia non è altro che questo, più o meno 5 millenni di storia hanno inculcato geneticamente in ogni esponente della specie umana che l'oro è l'unica cosa immune quando ogni altra va a puttane, per la ragguardevole qualità di non dipendere dalla solvibilità di chicchessia.

I buffi pezzi di carta che si usano oggi nel sistema dei pagamenti non sono "monete", ma buoni governativi (tecnicamente "valute"), debiti fiduciari del singolo Stato emittente. La deflazione e' innanzitutto crisi del debito. Ne consegue che la deflazione, eventualmente, all'oro gli fa un baffo, a tortiglione glielo fa.

Negli ultimi 8 anni Prechter, l'esponente di punta delle Onde Elliottiane, ha chiamato circa una ventina di top sull'oro. L'ultimo è stato giusto qualche giorno prima della partenza dell'ultima gamba rialzista, all'inizio di settembre.
Andando dal Mago di Arcella si sarebbero ottenuti risultati migliori.

Pubblicato il 1/12/2009 alle 9.51 nella rubrica Finanza.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web